La professione di fede di Margutte (Luigi Pulci)


Riportiamo qui la prima ottava, che già introduce cibi e soprattutto le bevande predilette dal personaggio, che è un allegro mascalzone ed un furfante che veramente crede solo nella crapula.

Rispose allor Margutte: – A dirtel tosto,

io non credo più al nero ch’a l’azzurro,

ma nel cappone o lesso o vuogli arrosto;

e credo alcuna volta anche nel burro,

nella cervogia, e quando io l’ho, nel mosto,

e molto più nell’aspro che il mangurro;

ma sopra tutto nel buon vino ho fede,

e credo che sia salvo chi gli crede.

E prosegue elencando torta e tortello e aggiungendo, in una sua immaginaria “trinità” gastronomica, il fegatello (fegato di suino insaccato), molto apprezzato nell’Italia del ‘400.

Che Pulci avesse una specie di sua infatuazione e mania per il cibo è dimostrato, oltre che la descrizione del pranzo di Morgante, che si divora un intero bufalo arrosto, dallo strano paragone con cui egli indica, nel momento più epico e tragico del suo poema, la battaglia finale come un recipiente dove si cuoce un enorme spezzatino insanguinato:

E Runcisvalle pareva un tegame

dove fussi di sangue un gran mortito…

Cappone lessato

Ingredienti (per 8 persone):

un cappone (pronto per la cottura) di 1Kg. e ½

legumi aromatici:

una cipolletta piccata con chiodo di garofano,

una costola di sedano,

una carotina;

salsa verde o salsa di capperi con acciughe

Condite internamente il cappone con poco sale e pepe; mettetelo in una pentola (meglio in una pignatta di terracotta) con abbondante acqua fredda e un pizzico di sale grosso; fate prendere l’ebollizione a calore moderato, schiumando con cura. Aggiun¬gete i legumi aro-matici e continuate la cottura a fiamma moderata per un’ora e mezza. Tagliatelo a pezzi e collocateli nel piatto di servizio, servendo a parte le salse.

Andrea Maia

Andrea Maia per la collana “Leggere è un gusto!” ha pubblicato Colazione con un centauro, Le osterie di Dublino e La contrada di Bengodi.

Foto: Luigi Pulci, by Filippino Lippi (dead 1504), Cappella Brancacci (Firenze, Chiesa del Carmine)


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti. Oppure iscriviti senza commentare.