Croce & Delizia

domandaBLOG

Ciao Antonella. Quali sono le croci e delizie con cui titoli il tuo blog?

E’ palese la mia passione per il dolce, croce e delizia del palato.

Delizia perché…ma c’è davvero bisogno che ve lo spieghi? Basterà trovarsi di fronte ad un fragrante e profumato croissant appena sfornato o ancora ad un bignè carico di profumatissima crema, per trovare la risposta.

Croce non solo per la meticolosità che un dolce richiede, ma anche e soprattutto perché un biscottino, magari al burro, per quanto piccolo possa essere rappresenta una vera insidia per il peso forma soprattutto per chi, come me, non riesce a porsi delle limitazioni.

domandaWEB

Nel tuo blog c’è spazio per una credenza, una biscottiera, una ghiacciaia e altro ancora. Come hai scelto la tua cucina?

Mi piaceva l’idea di unire innovazione e tradizione, nelle ricette così come nella struttura del blog. Ho quindi deciso di ricreare una cucina che ricordasse quella delle nostre nonne e che facesse pensare subito a sapori genuini.

Mi piace sperimentare, trovare abbinamenti insoliti ma tutto questo senza dimenticare il passato che resta il punto di partenza.

domandaATAVOLA

Le foto del tuo blog sono stupende.Se ci dovessi fotografare il tuo menù ideale?

Ti ringrazio del complimento, ma chiamiamola pure “fortuna” del principiante.

L’ideale sarebbe quello di dedicarmi totalmente ad un buffet di dolci per i quali riesco a dare sfogo a tutta la mia creatività; ed anche perché, diversamente da quanto forse si possa pensare, il mio menu ideale è basato su ricette semplici.

Partirei con delle fette di buon pane di campagna, grigliate e servite con olio e alici marinate.

Per poi servire un primo piatto simbolo della cucina povera ma che, con il tempo, è riuscito ad affascinare anche i palati più esigenti: la pasta e fagioli. In particolare utilizzo quella che io chiamo pasta maritata, ovvero pasta mista, e completo con un giro d’olio extra vergine d’oliva non filtrato.

A seguire, scarole imbottite con acciughe, olive nere, capperi e pinoli.

E per chiudere in bellezza, spuma di limone con frutti di bosco.

Il tutto accompagnato da ciò che in tavola non può mancare, della buona conversazione e, perché no, ci prendiamo anche un bel caffè?

domandaCOMPLETALAFRASE

Per te Leggere è un gusto…

…paragonabile alla soffice leggerezza dello zucchero a velo che avvolge un morbido e caldo krapfen.

Il blog di Antonella: Croce & Delizia

MicroIntervista a cura di Davide Nonino.

Food Blogging è la rubrica che Leggere è un gusto! condivide con i blogger che ogni giorno scrivono di buona cucina.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti. Oppure iscriviti senza commentare.