FRANÇOIS RABELAIS


Quello straordinario romanzo che è Gargantua e Pantagruele di François Rabelais (1493 ca professional essay writers – 1553) si conclude, dopo odissee varie in luoghi immaginari e soddisfazioni continue al ventre e al basso ventre (l’esaltazione di quello che il più importante critico rabelaisiano ha definito “basso corporeo”), con la visita di Pantagruele e Panurge all’oracolo della Divina Bottiglia.

cialis generic price
levitra online us pharmacy

E non poteva essere altrimenti la fine di un’opera che ogni volta che proponeva una dedica la riservava ai bevitori. In questo regno dell’ebbrezza, la sacerdotessa Bacbuc (nome che richiama la parola ebraica che significa appunto bottiglia), custode del sacro luogo, accompagna quel crapulone di Panurge al cospetto della divinità e gli fa cantare questa specie di ode bacchica.

O Bottiglia

misteri

tutta piena,

della vena

tua divina

versa in questa

orecchia sola

la veridica parola.

Il tuo vero a rivelare,

la mia pena ad alleviare,

te ne prego, non tardare.

Vino divino, da te lungi stanno

ogni bassa menzogna e vile inganno,

e sia Noè qual santo venerato

perché il modo di farti ci ha insegnato.

Dì tu la gran parola che disperda

il mio tormento, e così mai si perda

goccia di te, sia bianca o sia vermiglia,

o divina, profetica Bottiglia!

Col deifico liquore

che racchiudi, Bacco dà

allegrezza e verità.

O Bottiglia

di misteri

tutta piena,

della tua

divina vena

il mistero a rivelare,

te ne prego, non tardare.

(F. RABELAIS, Gargantua e Pantagruele, trad. di A. Frassineti, Milano, Rizzoli, 1984)

di Giovanni Casalegno, autore di La cucina, il cibo e i falò


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti. Oppure iscriviti senza commentare.