Petin e Petèe

E’ arrivata la stagione delle nocciole, pronte per essere raccolte e conservate durante l’inverno.

Un tempo si coglievano lungo le rive, dove gli alberi crescevano copiosi, e pane e nocciole (come pane e noci) era il “dolce” più comune per i bambini delle campagne.

Penso che chiunque abbia a disposizione un po’ di spazio intorno a casa dovrebbe piantare un nocciolo: è una bellissima pianta, simbolo di saggezza, dona frutti preziosi, e i suoi rami seccati sono incredibilmente decorativi.

Quando ero piccola, la sera mia nonna mi raccontava questa filastrocca:

Petin e Petèe

Petìn e Petèe

i ‘ndava a nosèe.

Petìn ghe ne cata un sachetìn

e Petèe tre nosèe.

Petìn ghe dise a Petèe:

“petèe ‘ndèmo casa,

mi co ‘l sachetìn

e ti co ‘e tre nosèe?”

“Mi no eh!”

ghe dise a Petìn, Petèe.

“E loro ciàma el can!

Can, mòrsega Petèe

che no ‘l vòl vegnèr casa ci ‘e so tre nosèe!”

“Mi no eh che no mòrsego Petèe

che no ‘l vòl vegnèr casa co ‘e so tre nosèe!”

“E lora ciàmo el baston!

Bastòn, bastòn el can,

che no ‘l mòrsega Petèe,

che no ‘l vòl vegnèr casa co ‘e so tre nosèe!”

“Mi no eh che no bastòno el can,

che no ‘l mòrsega Petèe,

cheno ‘l vòl vegnèr casa co ‘e so tre nosèe !”

“E lora ciàmo el fògo!

Fògo, brusa el bastòn,

che no ‘l bastòna el can,

che no ‘l morsega Petèe

che no ‘l vòl vegnèr casa co ‘e so tre nosèe!”

“Mi no eh che no bruso el bastòn

che no ‘l bastòna el can,

che no ‘l morsega Petèe,

che no ‘l vòl vegnèr casa co ‘e so tre nosèe!”

“E lora ciàmo l’aqua!

Aqua, stùa el fògo,

che no ‘l brusa el bastòn,

che no ‘l bastòna el can,

che no ‘l mòrsega Petèe

che no ‘l vòl vegnèr casa co ‘e so tre nosèe!”

” Mi no eh che stùo el fògo,

che no ‘l brusa el bastòn,

che no ‘l bastòna el can,

che no ‘l morsega Petèe,

che no ‘l vòl vegnèr casa co ‘e so tre nosèe!”

“E lora ciàmo el bò!

Bò, bevi l’aqua,

che no ‘a stùa el fògo,

che no ‘l brusa el bastòn,

che no ‘l bastòna el can,

che no ‘l mòrsega Petèe

che no ‘l vòl vegnèr casa co ‘e so tre nosèe!”

“Mi no eh che no bevo l’aqua,

che no ‘a stùa el fògo,

che no ‘l brusa el bastòn,

che no ‘l bastòna el can,

che no ‘l mòrsega Petèe

che no ‘l vòl vegnèr casa co ‘e so tre nosèe!”

“E lora ciàmo ‘a corda!

Corda liga el bò,

che no ‘l beve l’aqua,

che no ‘a stùa el fògo,

che no ‘l brusa el bastòn,

che no ‘l bastòna el can,

che no ‘l mòrsega Petèe

che no ‘l vòl vegnèr casa co ‘e so tre nosèe!”

“Mi no eh che no ligo el bò,

che no ‘l beve l’aqua,

che no ‘a stùa el fògo,

che no ‘l brusa el bastòn,

che no ‘l bastòna el can,

che no ‘l mòrsega Petèe

che no ‘l vòl vegnèr casa co ‘e so tre nosèe!”

“E lora ciàmo el sorzo!

Sorzo, ròsega ‘a corda,

che no ‘a liga el bò,

che no ‘l beve l’aqua,

che no ‘a stùa el fògo,

che no ‘l brusa el bastòn,

che no ‘l bastòna el can,

che no ‘l mòrsega Petèe

che no ‘l vòl vegnèr casa co ‘e so tre nosèe!”

“Mi no che no rosègo ‘a corda,

che no ‘a liga el bò,

che no ‘l beve l’aqua,

che no ‘a stùa el fògo,

che no ‘l brusa el bastòn,

che no ‘l bastòna el can,

che no ‘l mòrsega Petèe

che no ‘l vòl vegnèr casa co ‘e so tre nosèe!”

“E lora ciàmo el gato!

Gato, magna el sorzo,

che no ‘l ròsega ‘a corda,

che no ‘a liga el bò,

che no ‘l beve l’aqua,

che no ‘a stùa el fògo,

che no ‘l brusa el bastòn,

che no ‘l bastòna el can,

che no ‘l mòrsega Petèe

che no ‘l vòl vegnèr casa co ‘e so tre nosèe!”

“Ma si eh che magno ’sto sorzo,

che no ‘l ròsega ‘a corda,

che no’a liga el bò,

che no ‘l beve l’aqua,

che no ‘a stùa el fògo,

che no ‘l brusa el bastòn,

cheno ‘l bastòna el can,

che no ‘l mòrsega Petèe

che no ‘l vòl vegnèr casa co ‘e so tre nosèe!”

E cussì

el gato ciapa el sorzo,

che ròsega ‘a corda,

che a liga el bò,

che ‘l beve l’aqua,

che ‘a stùa el fògo,

che ‘l brusa el bastòn,

che bastòna el can,

che mòrsega Petèe,

che scampa casa co ‘e so tre nosèe.

E’ conosciuta in tutto il Veneto, questa riportata è la versione che più si avvicina a quella che ricordo da bambina. Qualche anno fa Roberto Piumini e Lella Gandini l’hanno tradotta in italiano ed inserita, con il titolo “Petin Petè”, nella raccolta “Fiabe venete”, pubblicata nella collana Einaudi Ragazzi.

I bambini la troveranno deliziosa, specialmente se letta mentre in forno cuoce questa torta…

TORTA DI NOCCIOLE ALLA CANNELLA

150 gr. di nocciole finemente macinate

150 gr. di farina tipo 0

3 uova

200 gr. di zucchero

100 gr. di burro fuso (o ½ bicchiere d’olio)

1 cucchiaino di cannella in polvere

1 bustina di lievito per dolci

1 pizzico di sale.

Rompere le uova in una terrina e montarle con lo zucchero, finché saranno bianche e spumose (questa operazione viene meglio utilizzando le fruste elettriche). Sempre lavorando con le fruste, unire gli altri ingredienti. Versare il composto in uno stampo a cerniera da 22 cm, imburrato e infarinato (o rivestito di carta da forno). Cuocere nel forno preriscaldato a 180°, per 40-45 minuti (controllare la cottura infilzando con uno stecchino di legno, che dovrà risultare asciutto). Far raffreddare su una gratella e cospargere di zucchero a velo.

testo e foto di Elisabetta Tiveron, autrice di Pippi Calzelunghe, piccola grande cuoca


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti. Oppure iscriviti senza commentare.