Angelo Poliziano


Angelo Poliziano (1454-1494) scrisse attorno al 1480 una favola teatrale: la Fabula di Orfeo. La vicenda è quella classica già ovidiana: Orfeo scende all’Inferno per riprendersi l’amata Euridice, ma tornando indietro, si volta a guardarla, trasgredendo così il patto fatto con Plutone, e lei muore una seconda volta e per sempre. Orfeo decide di non voler più amare nessuna donna e di dedicarsi all’amore omosessuale. Le Baccanti si offendono per questo rifiuto del loro sesso e lo uccidono. Quindi esplodono in un canto carnascialesco in cui esaltano Bacco, il vino, l’ebbrezza e, attraverso un incalzante gioco di espliciti doppi sensi, l’atto sessuale.

canadian pharmacy generic levitra

Ognun segua, Bacco, te!

Bacco, Bacco, euoè!

Chi vuol bevere, chi vuol bevere,

venga a bevere, venga qui.

Voi ‘mbottate come pevere:

i’ vo’ bevere ancor mi!

Gli è del vino ancor per ti,

lascia bevere inprima a me.

Ognun segua, Bacco, te!

Bacco, Bacco, euoè!

Io ho voto già il mio corno:

damm’un po’ ‘l bottazzo qua!

Questo monte gira intorno,

e ‘l cervello a spasso va.

Ognun corra ‘n za e in là

come vede fare a me.

Ognun segua, Bacco, te!

Bacco, Bacco, euoè!

I’ mi moro già di sonno:

son io ebria, o sì o no?

Star più ritte in piè non ponno:

voi siate ebrie, ch’io lo so!

Ognun facci come io fo:

ognun succi come me!

Ognun segua, Bacco, te!

Bacco, Bacco, euoè!

Ognun cridi: Bacco, Bacco!

e pur cacci del vin giù.

Po’ co’ suoni faren fiacco:

bevi tu, e tu, e tu!

I’ non posso ballar più.

Ognun cridi: euoè!

Ognun segua, Bacco, te!

Bacco, Bacco, euoè!

(A. POLIZIANO, Fabula di Orfeo, in Stanze-Fabula di Orfeo, a cura di S. Carrai, Milano, Mursia, 1988)

di Giovanni Casalegno


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti. Oppure iscriviti senza commentare.