Giosuè Carducci


Grande bevitore fu Giosue Carducci (1835-1907), il cui temperamento sanguigno doveva essere spesso alimentato dal sacro nettare. E, di conseguenza, è tanto il vino che scorre nelle sue pagine, soprattutto in poesie che nella forma del brindisi celebrano avvenimenti, persone o fatti storici. Quella qui proposta è di carattere più privato.

Questo Brindisi funebre è stato composto nel 1875 e accompagna un momento di solitudine del poeta: Lidia (Carolina Cristofori Piva), l’amante, lo ha lasciato, tanti amici si sono allontanati e tanti cari (su tutti il figlio e il fratello) sono morti. L’invito a bere, che è soprattutto rivolto a se stesso, è un’esortazione a superare la tristezza estrema del momento, a scaldare il gelo del cuore causato dalla constatazione del tempo che passa e si sta portando via la giovinezza, l’amore e la felicità.

Su ’l viso de l’amore

La rosa illanguidì,

Senza lasciarmi un fiore

La gioventù fuggì.

Lo stuol de l’ore danza

Lontano omai da me:

Con esse è la speranza,

L’illusïon, la fé.

Gli affetti alti ed intensi

Cui fu negato il fin,

I desidèri immensi

Irrisi dal destin,

Tutti nel mio pensiero

Tutti sepolti io gli ho;

E al fosco cimitero

Custode fosco io sto.

Ma i nervi ancora ho forti:

Beviam, beviamo ancor:

Beviam, beviamo a i morti;

Con essi sta il mio cuor.

Sotto la terra nera

Giaccion ad aspettar;

La dolce primavera

Forse li fa svegliar.

Senton de i freschi venti

L’alito ed il sospir,

Senton fra l’ossa algenti

La verde erba salir.

Lo senti il dolce aprile,

Il sol lo vedi tu?

O pargolo gentile,

Solo tu sei laggiù?

Dal suo lontano avello

Ti parla, o fanciullin,

Il bianco mio

Dal bel castaneo crin?

Gli avi ne i giorni foschi

Ti vengono a cullar,

L’uno da i colli toschi,

L’altro dal tosco mar?

O sola e mesta al petto

La madre mia ti tien?

Riposa, o fanciulletto,

Sopra il fidato sen.

Beviamo. Ahi che nel cielo

Impallidisce il sol,

E mi circonda il gelo,

E si sprofonda il suol.

Come uno stuol di gufi

A vecchio monaster,

Tra gli umidicci tufi

Singhiozzano i pensier.

Per questo buio fondo

Chi è chi è che va?

Esiste ancora il mondo,

La gioia e la beltà?

Ne’ lucidi paesi

Ancora esiste amor?

Io giù tra’ morti scesi

Ed ho sepolto il cuor.

(G. CARDUCCI, Poesie, Milano, Garzanti, 1978)

di Giovanni Casalegno


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti. Oppure iscriviti senza commentare.