Giovanni Pascoli


Giovanni Pascoli (1855-1912) era un grande amante del vino e un forte bevitore (si ammalò di cirrosi epatica e secondo alcuni fu questa la causa della morte).

Come poeta, però, non è stato un accanito celebratore del bere e dell’ubriachezza, quasi a rimuovere ogni eccesso del piacere (come, del resto, è tipico del poeta). Ne è conferma questa poesia, pubblicata nella seconda edizione di Myricae (1892) e dedicata all’amico poeta e giornalista Giacinto Stiavelli, nonché compagno di sedute alcoliche. È un invito alla morigeratezza, al porre un freno all’ebbrezza, fermandosi al secondo bicchiere, perché il terzo porta al sonno, il quale a sua volta apre le porte agli incubi e fa ritornare angosce nascoste, i fantasmi di un passato doloroso che hanno già procurato tanto dolore.

Ha tre, Giacinto, grappoli la vite.

cialis shop

Bevi del primo il limpido piacere;

bevi dell’altro l’oblio breve e mite;

e… più non bere:

ché sonno è il terzo, e con lo sguardo acuto

nel nero sonno vigila, da un canto,

sappi, il dolore; e alto grida un muto

pianto già pianto.

Giovanni Casalegno

(G. PASCOLI, Myricae, intr. di P. V. Mengaldo, note di G. Melotti, Milano, Rizzoli, 1981)


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti. Oppure iscriviti senza commentare.