La ricotta: dove la metto? Non si sa!

Avete un bambino che, davanti a un piatto di ricotta, vi deride? Al cospetto di una fetta di pastiera, si disgusta? La pasta con la ricotta non piace neache a voi, e giustamente vi chiedete perchè mai dovreste darla ai vostri figli?

E che problema c’è? Chi ha detto che la ricotta vada presentata sotto forma di ricotta? Nessuno! E allora ecco un classico, e una ricettina nuova nuova, che mi sono inventata ieri pomeriggio per farla mangiare ai miei dittatori formato mignon!

Il Classico: Sua Maestà La Pizza di Carne

Per una pizza bella grande occorrono 500 gr. di massa (la ricetta è questa), e 600 gr. di ottima carne tritata, fate voi: tutto vitello, tutto maiale, oppure metà e metà, dipende dai gusti! Io preferisco la prima soluzione!

Una bella spolverata, molto abbondante, di parmigiano; 150 gr. di ricotta; sale e, se i vostri piccoli ve lo permettono, una carota tritata finemente. La cipolla mettetela intera, così poi si toglierà con più facilità. È pur sempre una pizza, non un ragù!

Infine, un po’ di caciotta dolce, che renderà il tutto più morbido.

Si procede così: in una padella con olio extravergine di oliva, fate saltare la carne con un po’ di sale, sgranandola con una forchetta di legno sino a quando non è perfettamente cotta, solo allora si potrà sfumare con un velo, o anche più, di vino bianco. Evaporato il vino, spegnete il fuoco e aggiungete la carota tritata mooolto finemente, la ricotta, il parmigiano e la caciotta, che, se tagliata sottile, comincerà già a sciogliersi e a legare il composto.

A questo punto si può togliere la cipolla.

Il forno è già caldo a 250°!

Stendete il primo disco di massa, sottile 4/5 mm, e ponetelo in una teglia oliata. Versate il composto e distribuitelo bene sul disco di pasta, coprendolo e sigillandolo con un altro disco di pasta.

A questo punto, con una mano ben oliata, accarezzate la pizza e con una forchetta fate qualche foro per non farla gonfiare.

In forno 20/25 minuti, un po’ su e un po’ giù, così l’avrete perfetta e dorata!

La torta di ricotta limone e cannella… o cioccolato… o mele… o…

Rompete 3 uova in una terrina e montatele con 120 gr di zucchero semolato. Una volta gonfie, aggiungete circa 100 gr. di ricotta e unitela al composto con la frusta al minimo; infine gli aromi e la farina, una punta di cucchiaino di cannella in polvere (ma solo se vi piace, altrimenti è buona anche senza!) e la buccia grattuggiata di un limone biologico. Di farina sono sufficienti 100 gr.

Io, la busta di lievito in polvere, nel dubbio – oh! mi sono lanciata in un’improvvisazione in pasticceria! – ce l’ho messa tutta.

Un consiglio, o meglio, un dogma: usate le fruste al minimo, la ricotta non va disfatta!

30 minuti in forno caldo a 180°, una spolverata di zucchero a velo, e la merenda è pronta!

Le varianti possibili sono infinite!

Le più semplici: sostituite il limone e la cannella con le gocce di cioccolato (io preferisco spezzettare del buon ciccolato fondente, le gocce non hanno mai una qualità eccelsa!), e se volete fare il botto, ossia ricotta e frutta, aggiungete le mele a fette; magari in primavera le ciliegie, in estate i fichi…

Qualcuno potrà obiettare che la ricotta, per conservare tutti i suoi principi nutrizionali, dovrebbe essere mangiata cruda… ma questo lo dovrete spiegare voi ai vostri figli!

Io vi do solo la ruota di scorta!

di Ivana Salvemini


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti. Oppure iscriviti senza commentare.