Cosa dicono le foglie del tè?

Riti e ricette di madre in figlia dalla letteratura persiana alla poesia araba contemporanea
Un samovar sempre acceso per il benvenuto e una tovaglia distesa a terra.
Una cucina che odora di zafferano poco prima di una gita fuori porta. Una notte di veglia per fissare le stelle dalla terrazza proibita e un giardino colmo di alberi da frutto. Un bistrot dove ritrovarsi a leggere i fondi del tè e una stanza ai piani alti dell’harem per raccontare o ascoltare storie.
Dalla Turchia al Marocco, dall’Iran al Libano, passando per Iraq, Yemen, Algeria, Tunisia ed Egitto, i precetti di un’arte culinaria tra ventre e ventre. Le letterature femminili contemporanee accolgono e diffondono echi di eredità preziose in un viaggio spolverato di spezie e chicchi di melagrana.

Non ci sono recensioni, sii il primo a lasciare un opinione!