Dis-connessi

5.00 su 5
Quando la comunicazione digitale intralcia quella reale

amazon linkACQUISTA SU AMAZON
Tematiche: .
I dispositivi tecnologici sono portali per un altro mondo, il loro schermo è una sorta di magico varco per entrare nella realtà virtuale. Una possibilità così affascinante che non ha mancato di conquistarci. Connessi al mondo digitale dunque. Ma cosa significa? Come è inserita la tecnologia nella nostra vita quotidiana? In pochissimi anni, si è rivoluzionato non tanto o non soltanto il nostro modo di comunicare, ma il nostro modo di vivere! Perché questa connessione perpetua si inserisce in ogni situazione quotidiana. Faccio colazione e sono connesso. Vado a lavoro e sono connesso. Chiacchiero con un amico e sono connesso. Sono i gesti di sempre, le azioni di una vita, ma non sono più le stesse, perché le viviamo in modo differente.

Dis-connessi racconta le nuove frontiere della comunicazione nell’era tecnologica: un’analisi lucida e spietata, a tratti esilarante, dei limiti dell’iperconnessione.
 
Perché una volta, mentre chiacchieravo con un amico, facevo un sacco di cose molto interessanti: ascoltare le sue parole, raccontare qualcosa di me, ridere insieme per una battuta, guardare questa perdona negli occhi, cogliere le emozioni nella sua voce, sintonizzarsi con i suoi stati d’animo e, se ce n’era bisogno, offrire comprensione e magari conforto. Insomma, chiacchierare con un amico voleva dire essere al cento per centro per quell’amico. Voleva dire vivere la situazione. Stavi già facendo qualcosa che richiedeva la tua attenzione, occupava la mente e, presumibilmente, ti faceva piacere.
 
Adesso, invece, guardo il mio amico quando non sto osservando lo schermo o digitando. E l’amico? Molto probabilmente l’amico si comporta allo stesso modo. Per questo a volte si perde il filo del discorso. E non sempre si riesce a cogliere lo sguardo dell'altro, perché schermo tu, schermo io, non è che ci si possa guardare in faccia tutti il tempo. Ma d'altronde, siamo connessi! Quello che fino a pochi anni fa sarebbe stato un gesto sgarbato, oggi è la norma socialmente condivisa.
 
Sempre connessi grazie a tablet, pc e smartphone. Controlliamo il cellulare circa 150 volte al giorno per controllare SMS, email, messaggi di Whatsapp, Facebook, Twitter. Siamo iperconnessi e quando siamo disconnessi ne sentiamo la mancanza. Quando non ricordiamo qualcosa pensiamo subito a consultare Google. Se la comunicazione digitale intralcia quella reale però è un rischio. La nuova sfida è quella decisiva: recuperare la capacità di comunicare con chi ci sta accanto, senza interruzioni e distrazioni; ci tocca imparare a connetterci con chi è vicino a noi, a partire dai nostri figli.

Recensione di SupermammaNograzie (Aprile 2016) oppure scarica il

Ci sono 2 recensioni, scrivi anche tu la tua opinione!


  1. 5 su 5

    :

    Come tutti gli altri libri della stessa autrice, Giorgia Cozza, anche questo è assolutamente da leggere, non perdetevelo

    Dis-connessi
  2. 5 su 5

    :

    Un libro illuminante, va letto, riletto e riletto ancora, in maniera da fissare nella mente i concetti espressi. Permette di tornare alla realtà delle cose, della vita, ricollocando gli spazi virtuali nella loro giusta dimensione. Imperdibile !!

    Dis-connessi