Vaccinazioni: alla ricerca del rischio minore

4.75 su 5

20,00 €

10,99 €

Perchè ho vaccinato i miei figli e non i miei nipoti


Anteprima LIBRO



ACQUISTA IN POCHI SECONDI, LIBRI CONSEGNATI
A CASA TUA IN MENO DI 48 ORE

Negli ultimi anni in Italia c'è stato un aumento del numero dei vaccini per ragioni non sempre riconducibili all'obiettivo di tutelare la salute dei bambini, a differenza della maggior parte dei Paesi europei dove non vige l'obbligo vaccinale.

I vaccini sono l'aspetto subdolo e pericoloso perché consegnano un bambino inerme e indifeso a pratiche di cui non c'è certezza della loro innocuità. I vaccini vengono somministrati a bambini in buona salute: è eticamente inaccettabile un trattamento che possa fare ammalare chi è sano nella speranza di prevenire malattie praticamente scompare o non pericolose o che rappresentano un pericolo raro e solo per bambini che si trovano in particolari condizioni sociali e/o immunitarie.

Nulla dimostra che i bambini super-vaccinati, cresciuti a merendine e vaccinazioni, e senza entrare in contatto con le comuni malattie dell'infanzia, avranno più salute dei bambini di trenta o cinquanta anni fa. Ecco uno dei motivi che ha indotto l'autore a non vaccinare i propri nipoti. Non ci sono prove che sostituire l'immunità naturale, quella che si genera superando una banale malattia infettiva, con l'immunità indotta dalle vaccinazioni sia davvero positivo per la salute.

Questo testo fornisce informazioni mediche sui vaccini che tutti i genitori dovrebbero possedere, Eugenio Serravalle ripercorre anomalie e problemi della politica sanitaria di questi ultimi decenni, dando voce ai pazienti, quella di chi ha vissuto in prima persona le conseguenze devastanti di scelte sanitarie operate spesso senza cautela e senza tutele per le famiglie coinvolte.

Limitarsi alla denuncia non basta, e per questo l'autore vuole anche rispondere in modo puntuale e concreto alla domanda dei suoi pazienti: “Cosa farebbe, se fosse  Ministro della Salute?”.

L'efficacia della medicina nel contrastare l'evolvere di alcune patologie è indubbia. È necessaria peraltro una riflessione sul concetto di malattia e di salute. La medicina non deve perdere di vista il bambino, l'individuo inserito nella famiglia e nella realtà sociale in cui vive, opera e si realizza. La medicina deve recuperare la sua umanità restituendo ai cittadini e al medico la capacità di stare insieme per difendere la salute dell'uomo e dell'ambiente. All'inadeguatezza dell'approccio medico-specialistico farmaco-dipendente dobbiamo rispondere con la rivendicazione del diritto a una informazione indipendente e alla libertà di cura e di scelta terapeutica.

Recensione di Ultima Voce - per scaricare in PDF clicca qui  (Giugno 2016)

Ci sono 4 recensioni, scrivi anche tu la tua opinione!


  1. 5 su 5

    :

    Libro davvero interessante, permette di valutare la propria scelta in base alle condizioni del proprio figlio, del Paese in cui si vive e della salute, ponderando rischi e benefici. Il quadro è così completo che, anche per la scelta di vaccinare, vengono date informazioni utili ad effettuare la vaccinazione con cautela e solo in caso di piena salute del bambino. Insomma, il libro dà lo spunto di riflessione, poi il genitore ha il diritto di scegliere cosa fare. Ottimo libro quindi!

    Vaccinazioni: alla ricerca del rischio minore
  2. 4 su 5

    :

    Dopo il primo di Serravalle edito dal Bambino naturale credevo di sapere tanto in tema di vaccinazioni, ma con il secondo figlio lo sto leggendo e trovo tanti spunti nuovi. Grazie per questi bei testi.

    Vaccinazioni: alla ricerca del rischio minore
  3. 5 su 5

    :

    Ma chiedo all'editore...è davvero tanto diverso e innovativo da Bambini troppo vaccinati? Vale la pensa l'acquisto?

    Vaccinazioni: alla ricerca del rischio minore
  4. 5 su 5

    :

    Ottimo libro, si divora in poco tempo! Rispetto al volume precedente offre una visione più ampia, che include altri aspetti oltre a quelli vaccinali. Meraviglioso.

    Vaccinazioni: alla ricerca del rischio minore